Abbiamo avviato il primo percorso ispirato al My Life Design® dedicato a chi
lavora in carcere
.


Così come avvenuto nel 2018 per il progetto pilota di Liberi Dentro, è la Casa
Circondariale di Milano Bollate
la prima a richiedere e sperimentare questo
approccio per il benessere del proprio personale. Ovvero funzionari giuridico
pedagogici, psicologi, operatori
.

Si stanno quindi svolgendo in contemporanea incontri per le persone recluse e
laboratori per il personale.

Questi ultimi sono incentrati su temi di grande attualità.
Ormai da una decina d’anni, il Parlamento Europeo ha emanato risoluzioni volte
a promuovere sul piano legislativo dell’UE gli aspetti direttamente o
indirettamente legati al benessere dei lavoratori.
Il nuovo concetto di salute è rappresentato da uno stato di
benessere fisico, mentale e sociale. Ciò implica la necessità di partire dal
benessere individuale.


Per considerare il benessere individuale occorre porre l’individuo al
centro dell’organizzazione del lavoro.

A partire da questa prospettiva, l’applicazione del My Life Design® si prefigge di favorire lo sviluppo di
competenze intrapsichiche ed interpersonali funzionali al benessere personale interiore e relazionale, a prevenire gli effetti dello stress da lavoro e facilitare la
gestione dei conflitti.

Coinvolge tre livelli relazionali:
1- La relazione con sé stessi
2- La relazione con i colleghi
3- La relazione con le persone detenute


I punti fondanti sono comuni al programma di Liberi Dentro attualmente in
svolgimento a Bollate
, per creare un collegamento tra i due percorsi.
Il prossimo step sarà poter coinvolgere anche il personale di polizia
penitenziaria, in linea con il paradigma di giustizia consapevole.

Un approccio che prevede azioni su tutte le parti in causa.

Persone che hanno commesso un reato. Persone che lo hanno subito. I rispettivi familiari. Chi lavora in carcere a vario titolo. La comunità intera.


Grazie a Valeria Pompili, che conduce questi incontri formativi, supportata
da Stefania Careddu e Fabio Tosoni.

Leave a comment